MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE
Ferrara - Italy

Sommario delle sezioni presenti in questa pagina:



Salta il menù principale e vai al menù delle sezioni in evidenza

Salta i contenuti e vai al login

Contenuti

sei in: index > Ecologia e territorio > I maceri del comune e della provincia di Ferrara
I maceri del comune e della provincia di Ferrara
Indagini 2004-2008.
Macero Francolino, luglio 2004Il censimento 2004-2008 dei piccoli luoghi di interesse naturalistico che ancora si possono incontrare sui 404,35 kmq del territorio comunale di Ferrara, condotto con volontari del Servizio Civile nazionale, si è concluso nei tempi previsti e ha consentito di definire la dotazione naturalistica di base delle aree circostanti la città capoluogo.
Le entità da censire sono state preliminarmente individuate su ortofoto digitalizzate poi esaminate direttamente sul campo per contenuto floro-faunistico, schedate, fotografate e infine mappate in un sistema cartografico GIS.
I risultati sono già stati in parte pubblicati in vari lavori scientifici e divulgativi.
Nelle indagini, si è tenuto conto della suddivisione del territorio comunale in 8 circoscrizioni amministrative, valida fino a marzo 2009.

I maceri, le antiche vasche artificiali un tempo utilizzate per la lavorazione della canapa, sono stagni caratteristici del paesaggio ferrarese.
In Europa, tutti i bacini idrici di limitata estensione sono considerati ecosistemi fortemente minacciati di estinzione e la sorte toccata ai maceri ferraresi nel Secondo Dopoguerra è la conferma dello stato di rischio in cui versano le piccole acque interne europee.
Nel territorio comunale di Ferrara, negli ultimi trent’anni, il numero dei maceri si è più che dimezzato, passando da 970 a circa 440. Il calo ha interessato maggiormente le zone comprese fra il centro urbano ed il fiume Po (circ. Nord) e quelle ridossate al centro storico (Est e Via Bologna), molto meno quelle a sud e a nord-est della città, che infatti registrano rispettivamente, 1,54 e 1,31 maceri/kmq.
I maceri a nord sono anche i più piccoli, con una superficie media di soli 675 metri quadri contro il valore massimo, in media, di 1103 metri quadri della zona Nord-Est.
Anche la maggior parte dei bacini con buona quantità d’acqua si trovano a Est (87%) e a Sud (72%).
Una ragione dell'intensa chiusura dei bacini più settentrionali, che si è probabilmente sovrapposta alla generale perdita di interesse dei maceri come elementi economicamente importanti in conseguenza dell'abbandono dell'industria canapicola, può essere ricercata nella necessità di limitare il rischio di allagamento dei terreni conseguente all'esondazione delle raccolte d'acqua in concomitanza con le piene fluviali del Po.

Distribuzione dei maceri nel territorio comunale di Ferrara
Fig. 1 - Distribuzione dei maceri sul territorio comunale di Ferrara (dati 2008).


Riduzione nel numero dei maceri fra il 1977 e il 2008 nel comune di Ferrara
Fig. 2 - Riduzione nel numero di maceri comunali dal 1977 al 2008. Le percentuali indicano in tasso di chiusura in trent'anni.


Aree medie dei maceri attorno a Ferrara (metri quadri) con limiti di confidenza al 95%
Fig. 3 - Aree medie dei maceri (metri quadri) nel comune di Ferrara (le barre verticali indicano i limiti di confidenza del valore medio al 95% di probabilità. Fra parentesi, il numero di maceri considerati).

Attualmente, sono in corso campionamenti accurati delle fauna macroinvertebrata acquatica in un sottoinsieme di questi stagni particolari.

Immagini e testi tratti e rielaborati da Corazza C. (Ed.), 2009. Le stagioni dei maceri, Edizioni Belvedere, (Latina), "le scienze", 10, 104 pp.


MAPPE DEI MACERI COMUNALI E PROVINCIALI VISUALIZZABILI CON GOOGLE EARTH

Il file maceri_ferrara_12maggio2014.kml contiene la localizzazione e le sigle attribuite ai maceri del territorio comunale di Ferrara censiti dalla Stazione di Ecologia. E' stato realizzato nel 2013 grazie al lavoro di studentesse del Liceo G. Carducci di Ferrara, in stage formativo presso il Museo, che hanno trasferito su Google Earth le informazioni geografiche archiviate nel database del Museo, gestito con il software di georeferenziazione ArcView.
N.B.: il database può essere soggetto a modifiche e correzioni.

Pubblichiamo anche i risultati del censimento realizzato dalla Provincia di Ferrara sull'intero territorio ferrarese nel 2004 e trasferito in Google Earth nel 2014 sempre da stagiste del Liceo Carducci di Ferrara: maceri provincia carducci fe.kmz
 

Login


 
 
 
codice XHTML 1.0 valido!codice XHTML 1.0 valido! icona livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 - livello di conformità AA, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0